Laboratorio del mese “Chi ha incastrato Babbo Natale?”

Laboratorio del mese “Chi ha incastrato Babbo Natale?”

E’ stato chiesto ai nostri bambini di immaginare come sarebbe incontrare Babbo Natale sul “fatto consegna regali“. Cosa gli chiederebbero? Cosa farebbero?  Ecco alcune delle loro risposte…nuovo-presentazione-di-microsoft-powerpnnnointnuovo-presentazione-di-microsoft-powerpoint

 

CURIOSITA’ …

Siete sicuri di sapere chi è davvero Babbo Natale? Tutti i bambini conosco Babbo Natale: “E’ un uomo vestito di rosso, col pancione e la barba bianca, che il giorno di Natale, porta i regali a tutti i bambini del mondo, scendendo giù per il camino!” Ma è davvero così?

Ebbene, la vera storia di Babbo Natale, ha origini molto lontane.

Nel lontano 300 d.C, Nicola era un giovane uomo che viveva in un villaggio greco. Aveva spesso ascoltato la parola di Gesù e ne era rimasto davvero colpito, tanto da donare tutto quello che possedeva a coloro che ne avessero più bisogno. Ben presto, le sue opere di carità e benevolenza furono molto apprezzate e Nicola divenne un vescovo gentile e amorevole nei confronti soprattutto dei bambini.  Purtroppo, vittima della mentalità e dei personaggi storici del tempo, Nicola venne esiliato e imprigionato per lunghissimi anni. Alla sua morte, il 6 dicembre del 343 d.C. Nicola venne proclamato Santo e Protettore dei bambini e persone in difficoltà.

In una delle sue opere di bene, Nicola aiutò un povero padre di tre giovani donne, lanciandogli dalla finestra aperta, tre sacchi pieni d’oro, che finirono in alcune calze stese ad asciugare davanti al fuoco del camino.  Così, da quel giorno, tutti i bambini lasciano le calze appese vicino al camino, sperando di ricevere dei doni da San Nicola.

Ma allora, perché Babbo Natale è un vecchietto panciuto, vestito di rosso con la barba bianca ed una slitta trainata da renne magiche? La prima immagine di Babbo Natale risale al 1823, quando Clement Clarke Moore, racconta dell’uomo che aveva otto renne nella notte di Natale. Ma questa immagine un po’ imprecisa, si fa più chiara quando, l’americano Thomast Nast dà l’immagine di Babbo Natale che conosciamo oggi, resa ancora più incisiva da un illustratore della Coca cola, che disegnò il caro Babbo Natale, per una campagna pubblicitaria invernale della bevanda. Chi l’avrebbe mai detto! 

 

To Top